40° anniversario della Polisportiva

Il 09 giugno 2019 si è svolta, presso la tenuta agricola gestita dall’associazione Assalto al Cielo, la festa del quarantesimo anno dalla fondazione della Polisportiva.

L’impresa non è stata facile; mai ci eravamo cimentati nell’organizzazione di un evento in un così vasto luogo all’aperto, 2 degli 8 ettari del Parco di Casacalda. Ancor più difficile è stato gestire il gran numero di invitati (300), limitato ai soli atleti, allenatori e dirigenti di atletica leggera del passato e del presente di Villa Gordiani mentre gli atleti e i tecnici delle altre discipline festeggeranno entro l’anno.

La cooperativa sociale Assalto al Cielo a cui l’appezzamento di terreno, una vecchia fattoria in disarmo, è stato affidato in custodia, ha fatto in modo di farci trovare un ambiente pulito e sereno, strutture adatte ad un elevato numero di persone. La polisportiva, come è sua consuetudine ha preparato un ricco pranzo a buffet, circa 30 portate: dalle coppiette ai formaggi, alla panzanella, supplì, lasagne al salmone, al ragù e ai carciofi, torte rustiche con broccoletti, spinaci e cicoria, prosciutto e melone, pasta fredda insalate di tutti i tipi, dolci variegati e frutta a volontà. Per dissetarsi, vista la giornata bellissima ma a temperature elevate, acqua, vino, birra e sangrìa. La cooperativa ha approntato un piccolo palco per l’esibizione del trio di musicisti del gruppo teatrale dell’ “Hosteria dei Gordiani”(Marco Battistelli, Stefania Ciaprini, Marco Spalliera) che ci ha allietato per l’intera giornata intervallando, con canzoni della tradizione principalmente romanesca, ma anche napoletana, gli interventi, la presentazione del libro e la premiazione. Per dare spazio e interesse anche ai giovanissimi sono stati organizzati dei giochi: è stato montato un campo da pallavolo, un tabellone per i tiri a canestro e un tappeto elastico (ovviamente sotto stretto controllo di insegnanti e istruttori).

Si respirava un’aria generale di gioia, serenità, gratitudine e fratellanza. I bambini, figli e nipoti di ex atleti, facevano a gara per chi dovesse salire per primo sul tappeto elastico, non ci è stato un solo momento nel quale quest’ultimo è rimasto vuoto! I più grandi, invece, si sono cimentati in partite di pallavolo, alternate dall’ ascolto curioso delle conversazioni e dei discorsi degli atleti “vecchi”: nati negli anni ’60 e ’70 (ormai 50-60enni). A rallegrare l’aria bucolica ha contribuito anche la presenza degli animali della tenuta: asinelli e conigli dai quali sono accorsi tutti, dai più piccoli ai più grandi, per nutrirli e accarezzarli. Fortunatamente le “lavoratrici” dell’apicoltura pregiata della cooperativa non hanno partecipato al nostro raduno in quanto impegnate nelle loro mansioni quotidiane.

La festa ha avuto inizio con un caloroso scambio di saluti e ricordi, passando per l’esposizione delle foto, filmati di momenti che hanno fatto la storia della Polisportiva dalla sua fondazione ad oggi. Le emozioni sono state forti, soprattutto per coloro che, dopo anni, si sono ritrovati. In seguito vi è stata la presentazione dell’operato della cooperativa che ci ha ospitati e del libro “Lo Sport è Poesia, 2° Edizione”, diario di attività, memorie e foto dal quale trapelano messaggi di solidarietà, rivoluzione e amore per il quartiere di Villa Gordiani, la sua gente, la sua Polisportiva e soprattutto
per lo Sport.

 

Dopo il pranzo e le gradevoli libagioni, è stata protagonista la premiazione dei “vecchi” della Polisportiva Popolare Roma 6 Villa Gordiani: atleti (nazionali, campioni e “fedeli”) , allenatori e dirigenti che hanno ricevuto il premio “fedeltà”, una meravigliosa maglietta con le bandiere rosse ​
che sbocciano dal Mausoleo di Villa dei Gordiani: disegno di Ennio Calabria, artista tra i più bravi pittori viventi, che ci ha omaggiato della sua arte indiscussa.

La festa si è conclusa con canti e balli estemporanei, aiutati dal “vino de li castelli” per poi terminare con la famosa canzone di Proietti “Er Tranquillante”.

Madama Lucrezia


Che dire di questa attività organizzata ai Casali di Casacalda per festeggiare il 40° anniversario della Polisportiva Popolare Roma 6 Villa  Gordiani? Sono tante le cose da dire, di vario tipo e di rilevanza diversa, non si può fare solo cronaca di una giornata come questa, che ha suscitato tante emozioni e riflessioni.

Per la cronaca: il 9 di giugno è stata una giornata torrida ma la “location” ha dato modo di trovare spazi all’ombra e ventilati che hanno permesso di sviluppare i vari momenti in cui era stata programmata l’attività, senza soffrirlo troppo!
Persino il campetto per la pallavolo e il tappeto elastico, dove i tanti giovanissimi presenti hanno giocato a lungo, si trovavano sotto l’ombra di bellissimi pini. E poi c’è stato modo di ristorarsi, non solo con acqua fresca … ma cominciando dall’aperitivo fino ai dolci nel pomeriggio dopo le premiazioni, passando per un ricco buffet, il tutto organizzato e distribuito da una efficientissima e affiatata squadra diretta dalla grande Ines!

L’emozione di vedere tante persone diverse, di ogni età, veramente contente di stare insieme e in alcuni casi, di rincontrarsi dopo tanti anni, ritrovandosi immediatamente come se non fosse passato neanche un giorno…
Non avendo condiviso personalmente quelle esperienze, io andavo scorrendo le foto affisse alle bacheche e stampate nel libro del 40° anniversario, per farmi indicare chi fossero, fra le persone presenti, i soggetti ritratti nelle foto di tornei e premiazioni. Con la massima naturalezza mi dicevano: “ questa sono io, questo è lui, questi sono quei ragazzi laggiù” testimoniando così, semplicemente, la perfetta soluzione di continuità della Polisportiva!

Siamo passati di campione in campione, durante la premiazione di tanti, con la – bella! – maglietta grigia confezionata per l’occasione. Emozionante è stato sentire le loro storie, di vita e non solo di sport. In poche parole sono riusciti a comunicare la costanza, l’impegno e la fatica della preparazione, la gioia, la soddisfazione, l’orgoglio dei risultati.

Hanno completato il quadro i racconti e gli aneddoti dal microfono che Mauro non si è mai stancato di comunicare, punteggiati dalle canzoni romanesche e dai motivi che tutti conoscevano per essere state le colonne sonore delle vite dei presenti, interpretate dai bravissimi cantanti Stefania Ciaprini e Marco Spalliera, con la chitarra del maestro Marco Battistelli e dello stesso Spalliera.
Cronaca, emozioni e ora una riflessione.

In un momento come questo, in cui lo sport si manifesta, quasi in forma assoluta, come una merce da vendere, un affare, costruito da pubblicità, da sponsorizzazioni, una redditizia area di mercato; quando le vittorie, gli agognati primati nazionali o internazionali sono esclusivamente diretti a riempire gli stadi per trarne profitto, anche “ideologico”, perché lo “sport”, così inteso, ottiene l’effetto di istupidire e depoliticizzare. Non qui però, infatti, non a caso, il libro sui 40 anni della Polisportiva si chiama proprio “Lo sport è Poesia”
L’aria che si respirava in quella giornata era quella di un altro pianeta, di un’altra dimensione parallela, che, aggiungo io, va fatta conoscere, va estesa, va riprodotta!

Nella Polisportiva lo sport non è solo allenamento, è formazione. Non è una competizione a qualsiasi costo. E’ solidarietà, condivisione.
Ed infine lo sport non è ammaestramento è educazione. Qui non si riproduce la divisione tra coloro che sanno e coloro che non sanno, con il corollario che ai primi spetta depositare negli altri il loro sapere insieme alle norme di comportamento per essere “vincenti” nella società.
Nella Polisportiva Popolare Roma 6 Villa Gordiani si segue e si mette in pratica un punto di vista fondamentale, non solo per lo sport, ma per la vita : “Nessuno educa nessuno, nessuno si educa da solo, gli uomini si educano insieme, con la mediazione del mondo”. *

Rita
Coop. Soc. Assalto al Cielo
* Paolo Freire

 

 

facebook